Parole di carta

Che impresa scrivere!
Dalì e altre storie di aziende sostenibili

Nell’ambito della rassegna letteraria Parole di carta, il 27 aprile 2022 sarà presentato anche il progetto di ricerca dal titolo “Slow Life, Slow Stories: un altro modo di raccontare le imprese sostenibili”, finanziato dalla Regione Veneto e sviluppato dal Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università Ca’ Foscari di Venezia (settembre 2020- settembre 2021). La ricerca, calando le discipline letterarie e storico-artistiche all’interno del tessuto aziendale della regione Veneto, ha lavorato all’elaborazione di uno storytelling non convenzionale destinato a tre aziende del territorio della provincia di Treviso, scelte per i valori sostenibili propri delle relative identità aziendali: AMR – Polistirolo Sotto Ogni Forma, Dotto Trains e EcorNaturaSì.
L’indagine è stata condotta attraverso un approccio multidisciplinare, tra analisi di pratiche narrative e studi di repertori iconografici specifici per ciascuna azienda partecipante, in una significativa esperienza di collaborazione e ibridazione fra la realtà accademica e aziendale.

Team di ricerca (Università Ca’ Foscari)
Assegniste
dott.ssa Francesca Pangallo 
(studio e realizzazione testi, assegno: Mito e archetipi nella narrazione di impresa)
dott.ssa Marianna Rossi
(studio e selezione dei repertori iconografici, assegno: Immagine e rappresentazioni
nella narrazione di impresa)

Referenti scientifici
Prof. Alessandro Cinquegrani (responsabile del progetto)
Prof.ssa Stefania Portinari

Partner aziendali
AMR – Polistirolo Sotto Ogni Forma
Dotto Trains
EcorNaturaSì

FRANCESCA PANGALLO
Milano, 1989
Ha lavorato come assegnista e borsista di ricerca per il dipartimento di Studi Umanistici dell’Università Ca’ Foscari Venezia, dove ha anche conseguito il dottorato in Italianistica nel 2020. È docente a contratto di lingua italiana per la “School of International Education” sempre dell’Università Ca’ Foscari. Si occupa principalmente di letterature comparate, con particolare rilievo per le narrazioni relative alla Shoah e alla Seconda Guerra Mondiale di tipo letterario, cinematografico e digitale. Insieme ad Alessandro Cinquegrani e Federico Rigamonti è coautrice del volume Romance e Shoah. Pratiche di narrazione della tragedia indicibile, pubblicato ad aprile 2021. Scrive e traduce (dall’inglese) nel tempo libero. 

MARIANNA ROSSI
Mestre, 1990
Studiosa di storia dell’arte contemporanea, nel 2015 si è laureata presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia,  dove ha lavorato come assegnista di ricerca ed è cultrice della materia per il Dipartimento di Studi Umanistici e teaching assistant per il Dipartimento di Filosofia e Beni Culturali. È docente a contratto di storia dell’arte contemporanea all’Università telematica eCampus. Ha collaborato con musei e istituzioni come la Fondazione Musei Civici di Venezia per la catalogazione delle opere di pittura di Ca’ Pesaro-Galleria Internazionale d’Arte Moderna, la Pinacoteca Civica di Palazzo Chiericati di Vicenza per la catalogazione scientifica delle collezioni del Novecento e come assistant curator presso il Centro Internazionali di Studi di Architettura Andrea Palladio di Vicenza in occasione della mostra Ritratto di donna. Il sogno degli anni Venti e lo sguardo di Ubaldo Oppi.

ALESSANDRO CINQUEGRANI
Treviso 1974
E’ professore di Letteratura comparata all’Università Ca’ Foscari di Venezia. È autore di diversi volumi di critica letteraria tra cui Solitudine di Umberto Saba, Marsilio, 2007 e Il sacrificio di Bess. Sei immagini su nazismo e contemporaneità, Mimesis, 2018. Ha esordito nella narrativa nel 2012 con il romanzo Cacciatori di frodo, Miraggi, finalista al Premio Calvino e candidato al Premio Strega, da cui è stato tratto lo spettacolo teatrale omonimo (regia di Giuseppe Emiliani). Il romanzo è stato tradotto e pubblicato in Francia. Collabora con importanti riviste di critica letteraria e cinematografica. Ha scritto la drammaturgia Medea per il Teatro Bresci, selezionata nel Circuito Off del Teatro Stabile del Veneto. Pensa il risveglio, Terrarossa edizioni, il suo ultimo romanzo pubblicato nel 2021 è opera selezionata dalla giuria dei letterati del Premio Campiello 2022.

fdgbdfs

Così per sempre, Einaudi, 2022
L’uomo sulla terrazza è antico quasi come la città che sta guardando. Il suo gatto Zibetto, piú nero di tutti i gatti neri, come lui conosce troppe storie. L’uomo è il conte Dracula. Ama la scienza, la fragilità degli esseri umani, e una donna dal viso sempre uguale. Nel 1897 la storia d’amore con Mina Harker non è finita: per chi non è piú legato allo scorrere del tempo, nulla può mai finire. Oggi lui sta a Roma, che è una città eterna, e lei vive a Venezia, che è una città immortale. L’eternità e l’immortalità sono due cose diverse, Dracula l’ha capito e Mina no. Sarà pur vero che l’odio è anche amore, ma dove l’amore cerca passione l’odio chiede vendetta.
Giacomo Koch è il nome del conte Dracula quando questa storia comincia. Mina Harker, la donna a causa della quale stava per essere ucciso, è sfuggita alla morte, ora si chiama Mina Monroy ed è lei stessa un vampiro. Il loro gatto Zibetto può arrampicarsi anche per dieci piani e porta alle zampe anteriori due vistosi anelli d’oro, per l’esattezza due fedi nuziali. Questa storia, ambientata oggi tra Roma e Venezia, attraversa i secoli e affonda le sue radici alla fine dell’Ottocento, quando il conte Dracula lascia la Transilvania per trasferirsi in Occidente. È allora che ha preso il nome di Giacomo Koch e ha cominciato a interessarsi alla professione medica, ed è oggi che lavora come anatomopatologo all’ospedale Fatebenefratelli. Attraversando la grande stagione delle scienze, Giacomo ha capito molte cose. La prima è che tutto ciò che scorre è nutrimento, non solo il sangue, per quanto il sangue umano rappresenti ancora il suo cibo preferito. Ha capito che non si può vincere la nostalgia per i prodigiosi limiti dei viventi, e che grazie alla forza di gravità ogni uomo e ogni donna contengono l’universo; sa, soprattutto, che quando nei vampiri scorre il sangue essi diventano umani, e come gli umani sono vulnerabili, possono essere ammazzati. Mina, invece, non ha voluto capire altro che sé stessa, ha vissuto gli ultimi sessant’anni insieme a una donna che il Conte ha ucciso – come, in effetti, ha ucciso tutti gli amori della sua vita – e pensa, per punirlo, di dover distruggere l’unica vera grande passione di Dracula: gli esseri umani. Decide, nella Venezia dove tutto scorre, di aprire un salone di bellezza in cui il tempo non scorra piú. Dal salone di Mina chiunque entri uscirà uguale a sé stesso. Per sempre. Cosí per sempre.

CHIARA VALERIO
Scauri, 1978
E’ scrittrice, traduttrice e collabora con programmi televisivi e radiofonici. 
E’ responsabile della narrativa italiana della casa editrice Marsilio e lavora a Rai Radio3.
Ha conseguito un dottorato in matematica all’Università Federico II di Napoli.
Ha scritto romanzi e racconti, tra cui: A complicare le cose, Robin 2007, La gioia piccola d’esser quasi salvi, nottetempo 2009, Spiaggia libera tutti, Laterza 2010.
Ha tradotto Flush di Virginia Woolf, nottetempo 2012.
Almanacco del giorno prima, 2014 è il primo romanzo pubblicato per Einaudi. Per la stessa casa editrice pubblicaStoria umana della matematica, 2016. 
Del 2019 Il cuore non si vede, Einaudi, vincitore della 46.ma edizione del Premio Letterario Internazionale Mondello, sezione Opera Italiana e proposto per il Premio Strega 2020 da Jhumpa Lahiri. 
Del 2020 La matematica è politica, pamphlet sempre edito da Einaudi.
Ha collaborato con «Nuovi Argomenti», «l’Unità», la «Domenica» del «Sole 24 Ore», «Glamour».
Tra le sue altre collaborazioni: «Ad alta» voce, trasmissione di Radio3 e «Pane quotidiano», programma televisivo di Rai3.

Tutti dormono nella valle, Marsilio, 2022
Costanza ha diciotto anni ed è nata in una valle dove il sole sorge tardi e tramonta presto. Il padre, Tiziano, voleva un maschio. La madre, Augusta, voleva una bambola. Incapaci di comunicare, i loro corpi coesistono in una casa gialla circondata da boschi, vecchi riti contadini e nuovi riti industriali, superstizioni, voci di paese, anziane dette “streghe”. Ci sono i campi da lavorare, il cimitero per i morti e la chiesa per chi aspetta il regno del Signore. Il campanile batte le ore con tre minuti di ritardo sul resto del mondo, e Costanza cerca di coprire lo svantaggio scappando, smezzando acidi e dormendo su pavimenti. Macina chilometri lungo la statale in cerca di passaggi per l’altrove. Lo fa con Livia e con Mimì, con Fiorella e tutte le ragazze e i ragazzi come loro. Sono gli anni Settanta, e i loro vecchi non sono pronti a guardare in faccia questa nuova specie di animali. Quando Costanza incontra Claudio – che sa sistemare i denti anche se non è un dottore, inventa storie, nasconde tesori ed è fidanzato con l’eroina – comprende di aver trovato il suo altrove. Non importa se si chiama Roma o Bombay, se si trova in un vicolo di periferia o in una comunità in cima a una collina, così come non importa se ci si ammazza di botte, se i soldi finiscono e le mani invecchiano. Importa solo non tornare nella valle, che non lascia mai in pace e dopo quarant’anni rivuole ancora indietro le sue figlie ingrate. Claudio viene da una grande città piena di rovine e memorie antiche e, non potendo riavere indietro il padre, vuole solo andare via da se stesso. Vuole andare via anche se la madre accetta le sue stranezze, scambiandole per modernità. Così Claudio e Costanza, inconsapevoli del futuro ma impegnati nel presente, cominciano a vivere insieme, e la vita porta avventure, dolori, allegrie e la bambina che oggi racconta questa storia.

GINEVRA LAMBERTI
1985
Laureata in Lingue e Culture Euroasiatiche e del Mediterraneo.
Il suo primo romanzo, La questione più che altro, è stato pubblicato nel 2015 per nottetempo, tradotto in francese per Le serpent à plumes , 2017 e in tedesco per l’antologia Venedig, Wagernbach, 2017.
Ha pubblicato racconti su Linus, Colla, Scottecs Megazine, ‘tina.
Ha partecipato ai festival Pordenonelegge, Cartacarbone Festival, La Fiera delle parole
Con Marsilio ha pubblicato Perché comincio dalla fine, 2019 (Premio Mondello 2020)
I suoi romanzi sono stati tradotti in Germania, Cina, Francia, Regno Unito e Brasile.
Scrive per Domani.

VDVDVDFGVGDGVDRF

Morsi, Bompiani, 2022
Tutto ha inizio con una ragazzina che gioca nella neve. Si chiama Sonia, sono le vacanze di Natale del 1996 – quelle della grande nevicata – e lei deve passarle suo malgrado a casa della nonna. Siamo a Lanzo Torinese, un paesino di mezza montagna dove ogni cosa sembra rimasta ferma a cinquant’anni prima. Compresa la casa cigolante e ingombra di mobili in cui vive nonna Ada, schiva, severa vecchia che nella zona ha fama di guaritrice (ma chissà, forse è altro), per la quale Sonia prova un affetto distante. La scuola ha chiuso prima del previsto a causa di quello che tutti chiamano “l’incidente”: la professoressa Cardone, acida insegnante di italiano, si è trincerata nella sua aula e durante una lezione – di fronte a una classe segregata e terrorizzata – ha fatto qualcosa di indicibile. Qualcosa che adesso, mentre Lanzo un po’ alla volta si svuota per via delle feste e dell’incessante vento ghiacciato, sembra riguardare tutti gli abitanti. Toccherà a Sonia, insieme al suo amico Teo, ragazzino di famiglia contadina educato alla voracità, affrontare l’incubo in cui sono precipitati. Complici per forza, Sonia e Teo si avventurano nel biancore accecante della neve col distacco curioso di chi non ha pregiudizi e forse proprio per questo può sperare nella salvezza. Ma che cos’è la salvezza? Andar via, cambiare vita? O restare e tentare di resistere?

Un romanzo lucido e terribile, divertito e tagliente, che si misura con i grandi temi – la paura, la crescita – e reinventa le regole del gioco. Una storia sulla fatica di cavarsela in un mondo a misura di adulti, quando gli adulti escono di scena e ti lasciano solo

MARCO PEANO
Torino, 1979.
Lavora come editor di narrativa italiana per la casa editrice Einaudi. Collabora con “Tuttolibri – La Stampa”. Ha curato Paura, l’autobiografia di Dario Argento, Einaudi, 2014, L’età adulta è l’inferno, l’epistolario di Howard Phillips Lovecraft, L’orma editore, 2018 e I taccuini di Randolph Carter, di Howard Phillips Lovecraft, Einaudi, 2021. Il suo romanzo d’esordio, L’invenzione della madre, minimum fax, 2015, è stato pubblicato anche in Francia e ha vinto il Premio Volponi Opera Prima e il Premio Libro dell’Anno di Fahrenheit.

ALESSANDRO CINQUEGRANI
Treviso 1974
E’ professore di Letteratura comparata all’Università Ca’ Foscari di Venezia. È autore di diversi volumi di critica letteraria tra cui Solitudine di Umberto Saba, Marsilio, 2007 e Il sacrificio di Bess. Sei immagini su nazismo e contemporaneità, Mimesis, 2018. Ha esordito nella narrativa nel 2012 con il romanzo Cacciatori di frodo, Miraggi, finalista al Premio Calvino e candidato al Premio Strega, da cui è stato tratto lo spettacolo teatrale omonimo (regia di Giuseppe Emiliani). Il romanzo è stato tradotto e pubblicato in Francia.
Collabora con importanti riviste di critica letteraria e cinematografica. Ha scritto la drammaturgia Medea per il Teatro Bresci, selezionata nel Circuito Off del Teatro Stabile del Veneto.
Pensa il risveglio, Terrarossa edizioni, il suo ultimo romanzo pubblicato nel 2021 è opera selezionata dalla giuria dei letterati del Premio Campiello 2022.

GBDSFVSDEF

Il Moro della cima, Einaudi Supercoralli, 2022
Da quando era poco piú di un bambino, il Moro ha una sola certezza: l’unico luogo in cui si sente al riparo dal mondo è tra i boschi di larici, i prati d’alta quota, e qualche raro alpinista… Cosí, quando gli danno in gestione un rifugio, sembra che la sua vita assuma finalmente la forma giusta.
Ben presto in pianura si diffonde la fama di quell’uomo dai baffi scuri e la pelle bruciata dal sole, con i suoi racconti fantasiosi e le porzioni abbondanti di gallina al lardo. E in tanti salgono fin su per averlo come guida, lui che conosce come nessun altro quell’erta scoscesa di pietre bianche e taglienti.
Ma quel rifugio è sulla cima del monte Grappa, e la Grande Guerra è alle porte. Lassú tira un’aria minacciosa: intorno al rifugio il movimento è frenetico, si costruiscono strade militari e fortificazioni, arrivano in massa le vedette, i generali, i soldati.
E il Moro, che in montagna si sentiva al sicuro, assiste alla Storia che sfila sotto ai suoi occhi: nel 1918 il Grappa è la linea del fronte, un campo di battaglia che non tarderà a trasformarsi in un cimitero a cielo aperto e infine in un sacrario d’alta quota.
Ma quando i fucili non fumano piú e le fanfare smettono di suonare, lui, il Moro, tornerà sulla sua cima, e davanti allo sfregio degli uomini cercherà il suo personalissimo modo di onorare la sacralità della montagna.
Paolo Malaguti ci regala un’altra grande storia da un passato che non c’è piú, dando voce e corpo a un mondo perduto, e portandoci lassú a respirare un po’ di libertà.
«Soprattutto all’alba, quando la luce è piú morbida e la pianura si svela piú ampia, e con lo sguardo arrivi fino alla curva del mare lontano: allora ti viene liscio credere che la vita possa davvero essere tutta cosí, giornate di sole e pascoli verdi».

PAOLO MALAGUTI
Monselice, 1978
È autore di Sul Grappa dopo la vittoria (Santi Quaranta 2009), Sillabario veneto (Santi Quaranta 2011), I mercanti di stampe proibite (Santi Quaranta 2013), La reliquia di Costantinopoli (Neri Pozza 2015, con cui ha partecipato al Premio Strega), Nuovo sillabario veneto (BEAT 2016), Prima dell’alba (Neri Pozza 2017), Lungo la Pedemontana. In giro lento tra storia, paesaggio veneto e fantasie (Marsilio 2018) e L’ultimo carnevale (Solferino 2019). Per Einaudi ha pubblicato Se l’acqua ride (2020), con cui ha vinto il premio Latisana per il Nord-Est (ex aequo) e il premio Biella Letteratura e Industria, ed è stato finalista al premio Campiello.

GIACOMO CARLESSO
1994
E’ dottorando di ricerca in Italianistica all’Università Ca’ Foscari di Venezia con un progetto dal titolo Scenari odeporici di Giovanni Comisso. Dall’epistolario privato alle opere edite (1920-1968). Agli studi su Comisso, alcuni dei quali pubblicati o in corso di pubblicazione per riviste e opere collettive, affianca l’interesse per altri autori di area veneta, in particolare Parise e Buzzati. Fa inoltre parte del comitato di redazione della rivista internazionale di studi «Ermeneutica Letteraria».

tfhgtrhrerd

gbvdffvdxs

Sparire, Linea Edizioni, 2020
Ti alzi al mattino e ti infili la tua vita, che ti calza a pennello come un vestito di sartoria, o capita invece che ti stia larga, o che stringa, come scarpe di un numero in meno. Quel vestito provi a indossarlo, ma ti pare di strozzarti, di metterti una camicia di forza e pensi allora sia il vestito di un altro, pensi che te l’abbiano sostituito. Ma non ne hai altri… Questo sentono i due protagonisti di questa storia: un uomo di mezza età e dal passato sconosciuto, dal nome fittizio di Pulviscolo, e una giovane modella, Giovanna, ossessionata dal suo corpo perfetto tanto da non riconoscerlo più e da desiderare di dimenticarlo. Entrambi, per motivi differenti, hanno deciso di sbarazzarsi della propria identità, proprio come si fa con un vestito sbagliato, e di vivere in strada. Nella manciata di giorni in cui si srotola la vicenda, i due protagonisti si sfioreranno lungo le strade che percorrono, avranno degli incontri decisivi per le loro scelte future, mentre la città in cui sono approdati si troverà a interrogarsi su un delitto che ha distrutto un equilibrio apparente.

TIZIANA PLEBANI
E’ una storica, ha insegnato per vari anni Conservazione dei materiali librari all’Università Ca’ Foscari di Venezia in cui ora è cultrice di Storia moderna ed è stata responsabile del Dipartimento Storia e Didattica della Biblioteca Nazionale Marciana. Si occupa di storia del libro, storia di genere, storia dei sentimenti e della socialità e ha una particolare attenzione per la storia di Venezia. Le sue ultime monografie: Le scritture delle donne in Europa. Pratiche quotidiane e ambizioni letterarie (secoli XIII-XX), Roma 2019; Un secolo di sentimenti. Amori e conflitti generazionali nella Venezia del Settecento, Venezia 2012. La sua ultima curatela: Il testamento di Marco Polo. Il documento, la storia, il contesto, Milano 2019.
Storia di Venezia città delle donne. Guida ai tempi, ai luoghi e alle presenze femminili, è stato ripubblicato da Marsilio, 2021

CHIARA PINI
Padova, 1967
E’ docente di Lettere alla Scuola Secondaria di I Grado; collabora con un gruppo di linguisti esperti di modello valenziale ed è impegnata in attività di formazione dei docenti. È autrice di Un nido di candide piume, l’Erudita, Giulio Perrone, 2018, finalista al Premio Internazionale di Letteratura Città di Como 2019. Un suo contributo è in Quaderni Mediterranei, vol. II, Quel fantastico viaggio, a cura di Silvestro Neri e Lorenzo Cittadini. Fa parte dell’Associazione quarantaduelinee|circolazione culturale aps e del collettivo Le Ortique.

HTRFGDGRE

Letteratura assoluta Le opere e il pensiero di Roberto Calasso, Feltrinelli, 2021
A partire dal 1983, Roberto Calasso sta pubblicando un’Opera in varie parti che, a oggi, consta di undici volumi e di circa cinquemila pagine. Si tratta di un’impresa senza precedenti per la fermezza del pensiero centrale e per la varietà degli argomenti e delle epoche coinvolte. Elena Sbrojavacca traccia per la prima volta una mappa di questa Opera piena di rimandi interni sconcertanti, che vengono qui precisati con estrema chiarezza. Operazione necessaria per accompagnare il lettore attraverso un labirinto di testi, al contempo narrativi e analitici, che comprende l’India dei Veda come la Parigi degli Impressionisti. Si presenta così un’indagine dello spazio che l’Opera di Calasso e il suo pensiero occupano nell’arazzo dei libri del nostro tempo. Se si vuole un’espressione che tenga insieme l’intera compagine, sarà quella di “letteratura assoluta”.
Il primo grande studio su Calasso, un’indagine critica, storica e letteraria dello spazio che la sua opera e il suo pensiero occupano nell’intreccio della letteratura del nostro tempo.

ELENA SBROJAVACCA
1989
Phd in italianistica all’Università Ca’ Foscari di Venezia.
Si occupa di letteratura italiana moderna e contemporanea e di teorie della critica letteraria.
Ha curato per BUR un volume sul teatro pirandelliano.
I suoi contributi scientifici, pubblicati o in attesa di pubblicazione, riguardano: Gianfranco Contini, Beppe Fenoglio, Luciano Erba, Andrea Zanzotto, Jonathan Coe, Roberto Calasso.
E’ componente della redazione della rivista Archivio d’Annunzio.
Dal 2016 collabora come relatrice ai festival La fiera delle parole, Da giovani promesse… di Padova e Cartacarbone Festival di Treviso

GINEVRA LAMBERTI
1985
Laureata in Lingue e Culture Euroasiatiche e del Mediterraneo.
Il suo primo romanzo, La questione più che altro, è stato pubblicato nel 2015 per nottetempo, tradotto in francese per Le serpent à plumes , 2017 e in tedesco per l’antologia Venedig, Wagernbach, 2017.
Ha pubblicato racconti su Linus, Colla, Scottecs Megazine, ‘tina.
Ha partecipato ai festival Pordenonelegge, Cartacarbone Festival, La Fiera delle parole
Il suo ultimo romanzo è Perché comincio dalla fine, Marsilio, 2019

FGHBGFD

Possiamo ancora dirci poesie, Collana Carvifoglio, Ronzani editore, 2021
Un romanzo epistolare, sperimentale, poetico e aperto al lettore, chiamato a entrare nel gioco della scrittura, intesa come una pratica di contatto.
Una raccolta di lettere tra due giovani donne, Bubi e Silvi, che raccontano la lontananza, la malattia e la perdita della madre di una delle protagoniste, che si rivela, anch’essa, in un commovente e intenso epistolario con la figlia.
Il testo affronta il dilagare dell’epidemia, scavando nella quotidianità, cercando il salvabile del mondo e della vita. Un romanzo che affronta il dolore, trasformandolo in un’occasione di amicizia, amore e speranza.
Se descrivere il mondo contemporaneo è difficile perché è sempre nuovo, queste lettere vogliono provarci, attraverso “armi molli” che intendono creare un nuovo senso di collettività, laddove si iniziano a ergere statue all’individuo.
Una pratica, quella delle lettere, che mette insieme profondità e ingenuità proprio nel modo in cui ci si confida, con il desiderio, allo stesso tempo, di affidare questa confidenza al mondo intero.

SILVIA SALVAGNINI
Venezia, 1982
Ha esordito nel 2004 con le poesie di Silenzio cileno, Auteditori, seguite da I baci ai muri, Mimisol 2006.
Nel 2009, con l’opera laelefantevolante, ha vinto il premio per la poesia contemporanea Antonio Delfini, a cura di Nanni Balestrini. Ha pubblicato i suoi testi nel libro Il seme dell’abbraccio,Bompiani, 2018. Ha creato gli albi illustrati L’orlo del vestito, Sartoria Utopia, 2016, Il giardiniere gentile, VerbaVolant, 2016, Cappuccetto Rosso: ovvero della presunta ingenuità, Sartoria Utopia 2020. Nel 2015 è stata tra i poeti ospiti alla Sorbona, a Parigi, per il convegno “Génération 80”, come una delle voci più originali della sua generazione. Realizza concerti in cui parole, immagini e musica si mescolano per dare forma a una poesia viva.

ROBERTA DURANTE
Treviso, 1989
Nel 2011 vince il Premio Mazzacurati pubblicando la prima raccolta di poesie dal titolo Girini, d’if, 2012.
Pubblica successivamente Club dei visionari, di Felice 2013, Balena, Prufrock spa, 2014, La susina, d’if, 2015, l’audiolibro Nella notte cosmica, Luca Sossella editore 2016 e Le istruzioni del gioco, le lettere, 2020.

HGFDBGDFGVBDD

Pensa il risveglio, Terrarossa Edizioni, 2021
Lorenzo è scomparso quando le riprese del suo film sono quasi terminate; il narratore ne segue le tracce e, mano a mano che passa il tempo, si impossessa della sua vita. Lorenzo potrebbe essere morto, ma la sua presenza si insinua nella coscienza degli altri personaggi, con la sua ombra sinistra. Nel frattempo c’è qualcosa che non funziona, continuano ad aprirsi delle crepe nella realtà di questo mondo, a riproporsi frammenti di vita e visioni, a ritornare i nomi di Albert Speer, architetto del Terzo Reich e confidente di Hitler, e di Josef Mengele, il medico assassino di Auschwitz. Quando il narratore scoprirà della gravidanza della compagna di Lorenzo, Cate, la storia prenderà un’accelerazione che lo porterà a compiere scelte di cui non sembrava capace. Un romanzo intenso e politico che ci interroga continuamente sulla responsabilità di essere al mondo.

ALESSANDRO CINQUEGRANI
Treviso 1974
E’ professore di Letteratura comparata all’Università Ca’ Foscari di Venezia. È autore di diversi volumi di critica letteraria tra cui Solitudine di Umberto Saba, Marsilio, 2007 e Il sacrificio di Bess. Sei immagini su nazismo e contemporaneità, Mimesis, 2018. Ha esordito nella narrativa nel 2012 con il romanzo Cacciatori di frodo, Miraggi, finalista al Premio Calvino e candidato al Premio Strega, da cui è stato tratto lo spettacolo teatrale omonimo (regia di Giuseppe Emiliani), e che è ora in corso di traduzione in Francia. Collabora con importanti riviste di critica letteraria e cinematografica. Ha scritto la drammaturgia Medea per il Teatro Bresci, selezionata nel Circuito Off del Teatro Stabile del Veneto.Pensa il risveglio, il suo ultimo romanzo, è in libreria dal 12 ottobre.

GIACOMO CARLESSO
1994
E’ dottorando di ricerca in Italianistica all’Università Ca’ Foscari di Venezia con un progetto dal titolo Scenari odeporici di Giovanni Comisso. Dall’epistolario privato alle opere edite (1920-1968). Agli studi su Comisso, alcuni dei quali pubblicati o in corso di pubblicazione per riviste e opere collettive, affianca l’interesse per altri autori di area veneta, in particolare Parise e Buzzati. Fa inoltre parte del comitato di redazione della rivista internazionale di studi «Ermeneutica Letteraria».

tfhfhfdhgd

I fantasmi del fascismo. Le metamorfosi degli intellettuali italiani nel dopoguerra, Feltrinelli 2021
Questa storia ha quattro protagonisti: lo storico Federico Chabod, il giurista Piero Calamandrei, il critico letterario Luigi Russo e il romanziere Alberto Moravia. Quattro grandi intellettuali che, noti antifascisti nel dopoguerra, spesso durante il fascismo avevano mantenuto un atteggiamento di cautela e inazione politica, cedendo talora alla collaborazione con il regime, le sue istituzioni culturali, scientifiche e di governo, o affermandosi nel mondo letterario fascista. Nel dopoguerra ciascuno di loro ridefinì il proprio percorso durante il Ventennio, rappresentandolo, almeno in pubblico, come coerentemente antifascista. Se l’intellettuale viene solitamente immaginato come un anticonformista e un critico del potere, in realtà tende di frequente a adeguarsi alla maggioranza e a esprimerne gli orientamenti. Contano i condizionamenti politici e istituzionali, particolarmente in una dittatura; conta l’esigenza di affermarsi sul piano culturale, scientifico o artistico; conta, in ogni tempo, anche l’attitudine dell’intellettuale a dar voce e interpretare i sentimenti dei più e, in alcuni casi, a cedere al potere. Se nel dopoguerra tutte e quattro le figure le cui storie si raccontano qui iniziarono a fare i conti con il proprio passato, la prevalente – se non esclusiva – autoassoluzione e la costruzione di memorie sostitutive da parte degli intellettuali rispetto all’implicazione con il regime hanno contribuito a scagionare la società italiana rispetto alle sue complessive responsabilità e ai suoi atteggiamenti conformistici nel fascismo. Gli intellettuali sono per definizione anticonformisti? Un’indagine sulle trasformazioni, le azioni e le inazioni di quattro grandi protagonisti della cultura italiana tra fascismo e dopoguerra e su come fecero i conti con il passato del Ventennio: Federico Chabod, Piero Calamandrei, Luigi Russo e Alberto Moravia.

SIMON LEVIS SULLAM
Venezia, 1974
E’ professore associato in Storia contemporanea. Ha studiato a Venezia, UCLA e l’EHESS di Parigi, conseguendo la laurea e il dottorato in storia a Ca’ Foscari. Si occupa di storia d’Italia tra Ottocento e Novecento con particolare attenzione per la storia politica, della cultura, degli intellettuali e delle idee; di storia degli ebrei; di storia dell’antisemitismo e dell’Olocausto. Tra i suoi interessi la storia della storiografia e i problemi di metodo storico. Le sue principali pubblicazioni sono: Una comunità immaginata. Gli ebrei a Venezia, 1900-1938, Unicopli, 2001; L’archivio antiebraico. Il linguaggio dell’antisemitismo moderno, Laterza, 2008, L’apostolo a brandelliL’eredità di Mazzini tra Risorgimento e fascismo, Laterza 2010; I carnefici italiani. Scene dal genocidio degli ebrei (1943-1945), Feltrinelli, 2015.

ALESSANDRO CINQUEGRANI
Treviso 1974
E’ professore di Letteratura comparata all’Università Ca’ Foscari di Venezia. È autore di diversi volumi di critica letteraria tra cui Solitudine di Umberto Saba, Marsilio, 2007 e Il sacrificio di Bess. Sei immagini su nazismo e contemporaneità, Mimesis, 2018. Ha esordito nella narrativa nel 2012 con il romanzo Cacciatori di frodo, Miraggi, finalista al Premio Calvino e candidato al Premio Strega, da cui è stato tratto lo spettacolo teatrale omonimo (regia di Giuseppe Emiliani), e che è ora in corso di traduzione in Francia. Collabora con importanti riviste di critica letteraria e cinematografica. Ha scritto la drammaturgia Medea per il Teatro Bresci, selezionata nel Circuito Off del Teatro Stabile del Veneto.
Dal 12 ottobre è in libreria il suo ultimo romanzo Pensa il risveglio, Terrarossa Edizioni, 2021

FHNFD

Non per me sola. Storia delle italiane attraverso i romanzi, Editori Laterza, 2020
Le opere delle nostre scrittrici – da Ada Negri a Elsa Morante, da Grazia Deledda a Luce d’Eramo, da Matilde Serao a Sibilla Aleramo e Anna Maria Ortese – offrono il racconto di un’epopea sotterranea: quella della battaglia durata più di un secolo per garantire alle donne italiane piena cittadinanza.
Dai racconti e dai romanzi di tanta letteratura femminile, troppo spesso esclusa dal ‘canone’ e quasi dimenticata, emerge un quadro ricco e sorprendente della condizione delle donne in Italia dall’Ottocento a oggi. Le italiane, come ce le hanno raccontate i manuali di storia e gli scrittori, aderiscono quasi perfettamente agli stereotipi della cultura patriarcale dominante. Sono madri affidabili e mogli fedeli; sono pazienti e rassegnate ai tradimenti; sono forse capricciose e certo poco inclini allo studio e al lavoro; sono caste (salvo poche eccezioni rappresentate da pericolose tentatrici); mettono al centro di tutto la maternità, fino al supremo sacrificio; inseguono sogni d’amore. Ma già dall’Ottocento i romanzi e i racconti delle nostre scrittrici hanno raccontato una storia diversa: ci dicono di matrimoni di convenienza e di gravidanze non volute, di amori mai liberi e di un sesso vincolato a una morale oppressiva. Soprattutto, offrono straordinari affreschi dei tentativi disperati di conquistarsi spazi di libertà, di studiare e lavorare, di non cedere alla violenza psicologica e fisica della società tradizionale. Ieri come oggi moltissime donne non hanno accettato di essere costrette al silenzio. Questo libro restituisce finalmente la voce a molte di loro.

VALERIA PALUMBO
giornalista, storica delle donne, caporedattrice Rcs dell’ufficio centrale del settimanale Oggi, scrive per il Corriere della Sera e altre testate e siti web, è corrispondente per la Radio Svizzera e docente a contratto all’Università Statale di Milano. Al centro della sua ricerca i temi della libertà, della ribellione e della relazione delle donne con il potere. Tra le sue numerose pubblicazioni: Prestami il volto, Selene, 2003 (vincitore del premio Il Paese delle donne 2006); Svestite da uomo, BUR 2007; Le figlie di Lilith, Odradek 2008; L’ora delle ragazze Alfa, Fermento, 2009 (vincitore Premio selezione Anguillara Sabazia); Piuttosto m’affogherei. Storia vertiginosa delle zitelle, Enciclopedia delle donne, 2018; L’epopea delle lunatiche. Storie di astronome ribelli, Hoepli, 2018; Veronica Franco. Cortigiana e poeta del Rinascimento veneziano, Enciclopedia delle donne 2019.

FRANCESCA PANGALLO
Milano, 1989
Ha lavorato come assegnista di ricerca al dipartimento di Studi Umanistici dell’Università Ca’ Foscari Venezia, dove ha anche conseguito il dottorato in Italianistica nel 2020. È stata docente a contratto di lingua italiana per la “School of International Education” sempre dell’Università Ca’ Foscari. Si occupa principalmente di letterature comparate, con particolare rilievo per le narrazioni relative alla Shoah e alla Seconda Guerra Mondiale di tipo letterario, cinematografico e digitale. Insieme ad Alessandro Cinquegrani e Federico Rigamonti è coautrice del volume Romance e Shoah. Pratiche di narrazione della tragedia indicibile, pubblicato ad aprile 2021. Scrive e traduce (dall’inglese all’italiano) nel tempo libero

tgbdrv

BFDBGGFDVDFX

FGBFDBG